giovedì 28 maggio 2015

Cocktail di gamberi


Ti dico un segreto: io e mio marito siamo dei potenziali crudisti
E il marito che cucina io credo aspiri a diventare il marito che non cucina affatto.
Il marito che caccia, questo sì. Che procura cibi prelibati da consumarsi senza cottura.
Mi fa molto ridere quando dopo una cena a base di vino rosso, formaggi e salumi lui esclama soddisfatto: "Questa è la mia cena preferita".
Non appena ne abbiamo la possibilità, quindi, andiamo di crudo anche con il pesce e la carne.
Bisogna fare molta attenzione però e instaurare con i commercianti rapporti di fiducia, altrimenti si rischia la pelle - o, almeno, la pancia-.
Nei rapporti interpersonali il marito che cucina è più abile che ai fornelli: chiacchiera, contratta, scherza e alla fine porta a casa la merce più sicura al prezzo più stracciato. Io osservo tutto in disparte, un po' spaventata e un po' incuriosita. 
Una delle ultime prede del marito sono stati questi gamberi pescati che, a detta del pescivendolo, si potevano consumare crudi con grande tranquillità. 
Noi ci siamo fidati. 
E' andato tutto bene.
La salsa rosa l'ho preparata io. Non è che ci voglia molto, soprattutto se, come me, la maionese la compri già fatta.

COSA&QUANTO

  • 50 grammi di gamberi pescati
salsa rosa (x2)


  • salsa Worcester, 7 grammi
  • ketchup, 50 grammi
  • senape, una punta di cucchiaino
  • cognac o brandy, 6 grammi
  • maionese, 50 grammi
COME

Per la salsa rosa devi anche un po' saperti regolare a occhio e a gusto. 
Metti gli ingredienti in una ciotola, mescola e assaggia. Sicuramente ci sarà qualcosa da aggiungere per bilanciare i sapori. Un errore che io faccio sempre con la salsa rosa è abbondare di senape. E invece no. Di senape ce ne deve essere giusto un sentore.
La salsa rosa, ricordo, che quand'ero piccola me la facevo da sola, nel piatto, aggiungendo ketchup e maionese, ketchup e maionese. Ricordo anche dei bambini, miei compagni di classe, che detestavano ketchup e maionese se presi separatamente, ma che andavano fuori di melone per la salsa rosa.
Credo che questa sia una metafora di qualcosa, non so bene di cosa.
L'unico concetto - poco profondo - che mi gira in testa in questo momento è: la salsa rosa? Non proprio adatta alla dieta pre-estate.

"Il gambero è un frutto del mare, te lo puoi fare sia arrosto, bollito, grigliato, al forno, saltato, c'è lo spiedino di gamberi, gamberi con cipolle, zuppa di gamberi, gamberi fritti in padella, con la pastella, a bagnomaria, gamberi con le patate, gamberi al limone, gamberi strapazzati, gamberi al pepe, minestra di gamberi, stufato di gamberi, gamberi all'insalata, gamberi e patatine, polpette di gamberi, tramezzini coi gamberi... e questo è tutto mi pare". 
Bubba spiega a Forrest i mille usi possibili del gambero

Nessun commento:

Posta un commento