venerdì 20 marzo 2015

Ravioli blues



I carboidrati a cena: così , così. Non benissimo. 
Ma in fondo: chissenefrega. 
A te frega? Sei uno che ci sta attento? 
Alle proteine, alla piramide alimentare, a non esagerare, a non bere troppo, a non ingolfarti di formaggi o fritture miste? 
Io dipende dal giorno della settimana. Venerdì, sabato e anche domenica, per quel che mi riguarda, si fa festa!


Domenica scorsa abbiamo fatto una picevolissima cena a casa con amici. Devo dire che sta diventando abbastanza un'abitudine, quella della cena domenicale con amici. Forse è un modo per scacciare il sunday blues? La malinconia che ti prende la domenica sera. A te prende? A me no. Magari fossi così semplice! A me la malinconia colpisce a casaccio. Anche col sole, anche il venerdì sera- per dire.
E comunque oggi è venerdì e non sono malinconica Per ora. Per ora posto l'ottimo piatto di ravioli fatti in casa dal marito che cucina! 

COSA&QUANTO
  • 2 tuorli d'uovo
  • 4 etti di farina
  • acqua
ripieno:
  • 500 gr. di borragine 
  • 250 gr. di ricotta
  • un uovo
  • sale
  • pepe
pesto:
  • una confezione di basilico fresco
  • 3 cucchiai di pinoli
  • olio
  • 4 cucchiai di pecorino grattugiato

COME
Unisci i tuorli, la farina e l'acqua. Impasta. 
Stendi la pasta col mattarello e fai la sfoglia. Nel senso: stendi uno strato più sottile che puoi. 
Mio marito non aveva la rotellina taglia ravioli (strumento di cui io ignoravo l'esistenza). E quindi che cosa s'è inventato quella vecchia volpe?
In mancanza della rotellina, spennella con acqua la pasta. Così la pasta si chiude! Senza lo spennellamento ti si appiccica tutto!
Inumidire è il segreto, il trucco!, se come noi non hai la rotellina. Fai la striscia, disponi il ripieno e chiudi con le dita. 
Sua madre- dice- faceva "tac" con le dita, tipo accetta. (Eh?? Tipo accetta?? A volte non mi resta che prendere per buono ciò che mio marito dice...)
Lui fa col coltello e col mezzuccio della pasta inumidita. 
Ci sono anche altri modi, forse più cool, ma mio marito è un chimico e un marketing business developer manager, non un masterchef. 
Per il ripieno: fai bollire la borragine
Taglia la borragine col coltello, unisci la ricotta e un uovo intero. Pochissimo sale, pepe più che altro. 
Mescola tutti gli ingredienti ben benino.
Per il condimento: mio marito aveva previsto un pesto di tarassaco,
ma la nostra amica ha versato il nostro pesto nella sua pasta (i testaroli) che aveva portato per fare un po' di sharing calorico. 
Così, ai ravioli di mio marito è toccato il classico pesto. Quello fatto nel mortaio, da lui, con basilico fresco e olio ligure... buttalo via!
Un'altra volta di racconto del pesto al tarassaco (super!!).
Beh, il pesto classico lo so fare pure io!
Nel mortaio dacci dentro a pestare le foglie di basilico e i pinoli, versa di tanto in tanto l'olio senza esagerare e infine aggiungi il pecorino- senza mai smettere di darci dentro col mortaio.


Nessun commento:

Posta un commento