mercoledì 10 dicembre 2014

Vellutata Daikon 3


Tu lo conosci il daikon? E’ un ortaggio di origine asiatica che si sta diffondendo anche in Italia. Secondo me incute un po’ di timore. Non so quanti italiani si nutrano a suon di daikon. E’ una lunga radice bianca. Decisamente inquietante. Ma, spalanca bene le orecchie, ha proprietà benefiche di ogni tipo ed è un naturale bruciagrassi
Andata. Daikon sei mio mio.
Il nome Daikon mi fa venire in mente Daitarn, di cui non so assolutamente niente, credo sia un cartone animato. Anzi, ne sono certa perché l’ho appena googlato. Non so per quale motivo, ma Daitarn tre torna e ritorna nella mia vita. Ogni tanto mi viene in mente la parola Daitarn, così, totalmente a sproposito. Forse solo perché mi piace il suono. 
Il nome Daikon 3, ora che ci penso, mi fa venire in mente anche Ferro 3
Non si fa. Associare una vellutata di verdure a Kim Ki-duk è una cosa che non si fa.


La vellutata Daikon 3 vuole così essere un omaggio a Daitarn III di cui non so assolutamente nulla. Come non so nulla dell’ortaggio daikon. Se non che fa dimagrire. 

Mi sono documentata, con quello stile da surfer che mi piace tanto, ed ho capito che in lingua nipponica “daikon” significa grossa radice. In Italia lo chiamiamo anche ravanello cinese, forse per il gusto che potrebbe in effetti ricordare quello del ravanello o forse perché la traduzione non invoglia. 
Le mie fonti da surfer confermano le proprietà benefiche della grossa radice: favorisce la digestione di alimenti fritti o ricchi di grassi; scioglie i depositi di grasso in eccesso; è un valido aiuto contro i disturbi epatici; ha proprietà diuretiche; ha poche calorie e tanta vitamina C: 100 gr di daikon apportano 22 kcal e forniscono il 34% di RDA di vitamina C.
Se non ti piace il ravanello, non preoccuparti. Del daikon non sentirai il sapore. Sentirai solo le sue proprietà benefiche e sgrassanti. Sentirai il beneficio dei benefici e ti reputerai una persona migliore. E il giorno dopo, mentre starai banchettando a salumi, formaggi e vino, non ti sentirai in colpa. No. 
“Ehi, io ieri mi sono fatto la vellutata Daikon 3. Sono immune dal grasso."


COSA&QUANTO


  • una radice di daikon
  • un paio di manciate di piselli
  • scalogno
  • olio
  • pepe
  • sale

COME
Spela la radice di daikon, lavala e tagliane le estremità.
In pentola, prepara un soffritto di scalogno.
Taglia il daikon a tocchi e mettilo in padella. Mescola e poi aggiungi i piselli nella quantità che più ti aggrada.
Versa in pentola tanta acqua quanto basta a coprire le verdure. 
Aggiungi sale e pepe.
Dopo circa mezz’ora le verdure saranno cotte.
Armati di minipimer, l’amico delle vellutate.
Frulla, frulla e frulla.
Impiatta.
Un filo d’olio e una spolverata di pepe crudo, renderanno la tua esperienza Daikon 3 ancor più intrigante.

Io e mio marito abbiamo deciso di intraprendere questa sfida: mille modi per fare Daikon. 

Oppure ti piace di più: mille giorni di me e di daikon?
Il succo è: daikonizziamoci. 
(Con calma, eh. Prossima daikonata tra due mesi)

1 commento:

  1. Io invece so bene cosa è Daitarn tre, lo guardavo spesso da piccola. Era un cartone animato davvero divertente, con il protagonista assolutamente stupido :-)
    Compro spesso il daikon, a me piace anche crudo in pinzimonio, ma non ho mai fatto la vellutata. Da provare

    RispondiElimina