domenica 2 novembre 2014

Latterino birichino & Pinzimonio demonio

A me e mio marito piacciono tanto gli antipasti. A te? 
Lui ne fa di elaborati e di semplicissimi. Stasera optiamo per la semplicità e ti proponiamo 2 idee, una veg e l'altra molto meno veg.


LATTERINO BIRICHINO

I latterini sono pescetti piccoli ed economici, in Liguria li chiamano cinciuetti. Si possono mangiare solo in un modo: fritti.

COSA&QUANTO
  • 150 gr di latterini
  • farina
  • olio
COME
Prendi i latterini e infarinali, poi togli l'eccesso di farina e buttali nella padella con l'olio bollente. Per friggere, mio marito utilizza l'olio d'oliva. 
Eh, lo so. Che ci posso fare? E' ligure. I liguri pare non ammettano l'esistenza dell'olio di semi, quando lo vedono esposto negli scaffali del supermercato si coprono gli occhi e mugugnano (i liguri non fanno altro che mugugnare) "Belin, non ci posso credere, belin". 
Tu sei libero di usare l'olio che più di aggrada.
Prima di mettere il latterino birichino in padella devi scrollare tutta la farina, perché quest'ultima, nell'olio bollente, si diverte a generare una specie di pappa che non va assolutamente bene. 
Mio marito dice che lo scrollamento della farina è l'unica cosa da tenere a mente per questo piatto.
Friggi per 15 minuti i latterini, poi scolali e asciugali nella carta assorbente.
Tu friggi? Sei uno da fritto? Io per niente. Sono proprio dell'altro partito, quello del vapore. Per intenderci, tra patate fritte e patate bollite scelgo tutta la vita le bollite. Tuttavia questi latterini non mi dispiacciono per niente, e forse non dispiaceranno neanche a te, amico del vapore. Basta non esagerare né con le quantità né con la frequenza. 
Semel in anno licet latterini. 

PINZIMONIO DEMONIO
Sono arrivati i carciofi! 
Noi li abbiamo trovati al mercato dell'isola: 10 carciofi x 8€. 
Con gaudio e tripudio abbiamo così potuto inaugurare la stagione del pinzimonio. 


COSA&QUANTO
  • carciofi a volontà
  • carote
  • puntarelle
  • olio
  • sale
  • pepe nero
COME
Noi non prendiamo mai i carciofi già puliti. Primo perché costano di più e poi perché già il pinzimonio è una cosa semplice, in più se ti fai anche pulire il carciofo dal signor Caprotti che gusto c'è?
Pulire un carciofo non è né difficile né pericoloso. Basta tagliare via il gambo e le foglie più esterne, che sono decisamente troppo dure per essere gustate crude. 
Il gambo del carciofo è buonissimo, ovviamente non le spine. Fai un'incisione alla base del gambo e vedrai che ti verrà quasi naturale capire come si spela. Parti dal basso e arriva fino all'alto.
Le puntarelle sono i fiori della cicoria (più o meno). Buonissime anche loro in pinzimonio con carciofi e carotine. Se non hai capito come sono fatte, chiedi. Puntarella dovrebbe essere il nome italiano, non ligure.
Al primo pinzimonio dell'anno, ricorda di esprimere un desiderio!

Nessun commento:

Posta un commento