domenica 26 ottobre 2014

Alici ciccione


COSA&QUANTO
  • 5 olive taggiasche denocciolate o da denocciolare 
  • 2 acciughe sott'olio
  • prezzemolo
  • pan grattato
  • 200 gr di alici
  • olio
  • sale
  • pepe nero
  • 1 uovo
COME
"Le alici sono un pesce sottovalutato" - così crede mio marito. 
Non da lui. Se sei bravo e ci segui, avrai già sicuramente letto "Alici felici". No? Corri subito al primo post - "Cacca di riccio" - leggi, rileggi e cucina!
Mio marito dice che le alici costano pochissimo e sono facili da cucinare, hanno solo un difetto: sono orribili da pulire. 
Quale pesce non lo è, dico io.
Per pulire le alici devi usare le mani, è inutile che ci provi con coltello e cucchiaino.
Per prima cosa: via la testa, poi metti un dito sotto lo stomaco, tira e togli la spina dorsale. Insomma, aprila a libro.

Il ripieno si fa col pangrattato, le olive taggiasche denocciolate tagliate a pezzetti, le acciughe sott'olio anch'esse tagliate a pezzettini... che differenza c'è tra acciughe e alici? Io faccio sempre una gran confusione. Mio marito mi rassicura: le alici sono le più piccole in assoluto.
Dopo le acciughe, aggiungi un trito di prezzemolo, olio, sale, pepe. Aggiungi olio fino ad ottenere un composto omogeneo, puoi anche aiutarti con un filo di vino bianco.
Prepara due piatti: uno con l'uovo e l'altro col pangrattato.
Prendi un'alice e mettici sopra il ripieno, poi ricopri con un'altra alice. 
Una specie di sandwich. 
Passa il sandwich d'alici nell'uovo e poi nel pangrattato.
Metti tutti i tuoi bei paninetti di alici su una teglia oliata.

Mio marito dice che in questa ricetta è fondamentale fare tutto con le mani. L'alice va ben ben farcita, con convinzione e pazienza, sennò il ripieno casca da tutte le parti ed è un disastro. Pigia, pigia con le manine!
Inforna a 200° per 30 min.
Secondo i miei calcoli, per questa ricetta hai speso 5€ e 45 min. compresa la cottura!

Nessun commento:

Posta un commento